Il capo della scienza di Wada non si preoccupava delle conseguenze del caso Chris Froome

Il responsabile scientifico dell’Agenzia mondiale antidoping ha cercato di sminuire i timori che il caso del salbutamolo di Chris Froome possa sollevare domande su altri test che dipendono dai livelli di soglia delle sostanze vietate.Il dottor Oliver Rabin ha dichiarato di non essere preoccupato per ulteriori ricadute dal verdetto, in cui Froome è stato eliminato da qualsiasi potenziale illecito dopo aver mostrato un alto livello di salbutamolo in un test antidoping al Tour of Spain dello scorso anno.

< p> Wada era stato “ben consapevole della variabilità del salbutamolo”, ha detto il dottor Rabin. “Questo è il motivo per cui una scoperta negativa apre le porte a ulteriori studi – non è una sanzione automatica.” I capi del tour sono frustrati dopo che il verdetto di Froome li ha lasciati con l’uovo in faccia Leggi di più

Il dottor Rabin ha voluto sottolineare che il caso Froome era specifico ma non unico. “In questo caso, avevamo diversi elementi specifici”, ha detto. “In primo luogo, si è verificato un aumento molto significativo del dosaggio nei giorni precedenti [Froome ha aumentato il suo normale basso dosaggio a un numero maggiore ma ancora legale di sbuffi a causa del peggioramento dei sintomi].In secondo luogo, era in cura per un’infezione. E poi c’è stato l’impatto fisiologico dell’evento e altri fattori, come gli integratori alimentari e così via.

“Considerato tutto ciò, abbiamo deciso che uno studio di escrezione era impossibile e la scoperta non era incompatibile con i dosaggi terapeutici . Non è un caso unico, ma poiché è stato Froome, una celebrità sportiva ed è stato messo sotto i riflettori, sembra essere unico. Per ora, non abbiamo motivo di mettere in discussione le regole.Non possiamo vedere alcun motivo per cui i casi precedenti non siano stati gestiti in modo equo. ”

La notizia del verdetto di Froome è stata accolta freddamente dai media francesi, con L’Équipe e Le Monde – che hanno rivelato la storia con il Guardian a dicembre – riluttante a lasciar perdere completamente il quattro volte vincitore del Tour.

Con tutti i dettagli della decisione ancora da rilasciare, il verdetto di L’Équipe è stato che, “per il momento, le spiegazioni che sono stati forniti non consentono di rimuovere tutti i dubbi ”.Le Monde, da parte sua, ha ipotizzato che Wada avrebbe potuto temere una costosa battaglia legale contro il Team Sky e Froome.

Come previsto, Froome è stato nominato martedì nella scaletta di otto uomini del Team Sky per il Tour, con la grande sorpresa è stata la selezione del giovane scalatore colombiano Egan Bernal al fianco degli esperti Luke Rowe e Geraint Thomas. Iscriviti a The Recap, la nostra e-mail settimanale delle scelte degli editori.

Parlando al Times, i quattro- volte il vincitore del Tour ha rifiutato di essere coinvolto in una guerra di parole con il cinque volte vincitore Bernard Hinault, che aveva chiesto il sciopero del gruppo se a Froome fosse stato permesso di iniziare la gara senza che il caso fosse risolto. “Non posso dire niente di negativo su Bernard”, ha detto il leader del Team Sky. “È uno dei grandi campioni.Immagino che con l’età a volte i tuoi fili si incrocino un po ‘, ma se lo vedo spiegherò molto felicemente tutto in modo un po’ più dettagliato. “